Rugby: 4 Nazioni, il Sudafrica per l’onore e All Blacks ko 27-25

A Johannesburg vincono gli Springboks con un calcio di Lambie all’ultimo minuto, ma il trofeo era già dei neozelandesi

Con un incredibile calcio di punizione infilato da Pat Lambie all’ultimo minuto, il Sudafricaha sconfitto per 27-25 la Nuova Zelanda all’Ellis Park di Johannesburg nell’ultima giornata del 4 Nazioni, il Rugby Championship dell’emisfero sud. Un successo che vale solo per l’orgoglio, visto che il titolo era in mano agli All Blacks già dalla scorsa settimana, ma che conferma come nel mondo oggi solo gli Springboks sono in grado di battere i neozelandesi.

All Blacks avanti al 9′ con un piazzato di Beauden Barrett, poi meta dei padroni di casa con Francois Hougaard (11′), trasformata da Handre Pollard, nuovo piazzato di Barrett al 24′, meta di Pollard (trasformata) al 27′, poi meta All Blacks al 34′ con Malakai Fekitoa, trasformata da Barrett, seconda meta personale di Pollard al 40′, trasformata, per il 21-13 con il quale si va al riposo. Nella ripresa, al 48′ Pollard centra ancora i pali per il +11.

Ma in cinque minuti gli All Blacks trovano due mete con Ben Smith (66′) e Dane Coles (71′), che, con una trasformazione di Barrett, valgono il sorpasso. Ma è la bomba di Lambie da 55 metri a un minuto dal termine a regalare agli Springboks la vittoria dell’orgoglio. Il titolo è degli All Blacks, ma il Sudafrica chiude il torneo con l’onore delle armi.

Loading...
Loading...